martedì 14 febbraio 2017

Chirurgia estetica: Cos’è la mastoplastica additiva? Come scegliere il giusto professionista?

Chirurgia Estetica  Quello che c’è da sapere
La chirurgia estetica fa parte della chirurgia plastica ma nello specifico è finalizzata a migliorare l’aspetto fisico delle persone.
Personalmente lo considero un argomento molto delicato, infatti affrontarlo non è facile e molte donne per accettarsi, sentirsi migliori o semplicemente più belle ricorrono ad essa con diverse tipologie di interventi.
Tra gli interventi più richiesti dalle donne vi è la mastoplastica additiva.
Un numero crescente di donne sono disposte a ricorrere alla chirurgia estetica decidendo così di migliorare il loro aspetto fisico portando, dunque, delle protesi mammarie.
Prima di affrontare l’operazione è necessario essere maggiorenni ed eseguire una visita pre-operatoria. Durante la visita il chirurgo valuterà la situazione e le aspettative della paziente, in questa fase importantissima verranno poi chiariti dubbi e perplessità.
Cos’è la mastoplastica additiva?
Per ogni donna il seno è il simbolo della propria femminilità.
Delle volte in seguito ad un dimagrimento, ad una gravidanza o all’età che avanza, il seno si svuota o perde tonicità, ma anche per chi soffre di asimmetria mammaria ci sono dei problemi, manca dunque uno degli elementi principali per sentirsi donna, l’obiettivo diventa riacquistare la propria femminilità.
In alcuni casi, in presenza di patologie specifiche, si può accedere alle convenzioni tramite il Servizio Sanitario Nazionale per il finanziamento dell’intervento. In questi casi sarà necessario rivolgersi alla ASL di competenza, seguendo lo specifico iter burocratico per accedere dunque alle convenzioni.
Questa pratica chirurgica consiste nell’impiantare delle protesi mammarie molli per ingrandire, ricostruire o modellare il seno.
Ci sono varie tecniche per l’impianto della protesi, le più frequenti sono:
-tramite delle incisioni nel contorno dell’areola;
-tramite piega sottomammaria;
-tramite regione ascellare.
In base alle proprie caratteristiche ed esigenze il chirurgo può scegliere di posizionare la protesi in diversi punti:
-Al di sotto del muscolo grande pettorale;
-Al di sotto della ghiandola mammaria;
-In una posizione intermedia.
Generalmente l’intervento di mastoplastica viene eseguito in anestesia locale, solo in rari casi viene eseguito in anestesia totale. La durata può variare da circa 30 minuti a circa 60 minuti. Questo intervento viene eseguito in regime di day hospital, di rado con ricovero in clinica per una o più notti.
Tenendo conto della tipologia di intervento e del tipo di anestesia, la paziente dovrà affrontare un post operatorio differente. Qualora abbia affrontato l’intervento in anestesia totale, il post-operatorio è generalmente più lungo, delle volte infatti sono necessari anche due giorni di ricovero. Qualora la paziente invece abbia affrontato l’intervento in anestesia locale il decorso operatorio si riduce, sarà infatti possibile recarsi a casa in giornata.
Dopo l'intervento è necessario un periodo di riposo assoluto di almeno 48 ore e successive visite per la rimozione dei punti.

Come Scegliere il giusto professionista?
Il mio consiglio è di affidarsi a professionisti del lettore che operino nel rispetto delle norme vigenti e in cliniche o ospedali con equipe medica specializzata e professionale. Diffidate da chi chiede un prezzo troppo basso e da chi promette risultati fuori dal comune.
Di recente ho sentito parlar molto bene del Prof.Mario Dini di Firenze da una mia conoscente. Il Prof. Dini è un chirurgo plastico con un'esperienza documentata, socio Sicpre, Isaps e Aicpe. Oltre a svolgere interventi di mastoplastica additiva è specializzato anche negli interventi chirurgici come rinoplastica, mastoplastica riduttiva, liposuzione e lipofilling, chirurgia plastica post-bariatrica, addominoplastica, blefaroplastica e lifting del volto.
La mastoplastica additiva trattandosi di un intervento chirurgico a tutti gli effetti modifica il nostro corpo per sempre senza possibilità di guardare indietro, diventa dunque indispensabile affrontare questo percorso con professionisti in possesso di curriculum documentato per evitare spiacevoli esperienze..

14 commenti:

  1. Ero ignorante in materia, ma il tuo articolo mi ha aperto la mente...informarsi e documentarsi credo sia sempre doveroso e scegliere il meglio, quando c'è di mezzo la salute è un obbligo!!! Ottimo articolo...

    RispondiElimina
  2. Grazie per queste informazioni davvero utili. Non è un percorso facile da affrontare, sia dal punto di vista fisico, che psicologico, ed è molto importante essere ben informati e rivolgersi a professionisti fidati.

    Marina,
    Vivere la Leggerezza con… Naturalezza

    RispondiElimina
  3. un post veramente utilissimo e dettagliato, grazie per le info!

    RispondiElimina
  4. Grazie per questo post. Davvero un argomento interessante. xoxo rita talks

    RispondiElimina
  5. Non riuscirei mai a farlo ... ho troppa paura !

    RispondiElimina
  6. Io sono a favore della chirurgia, se fa stare meglio perché no? Ovviamente affidandosi come dici tu ad un esperto!

    RispondiElimina
  7. Un post sicuramente interessante per chi cerca notizie in merito, visto che su internet ci sono molte informazioni confusionarie!
    Da parte mia devo dire che è un'operazione di cui certamente non avrò bisogno..

    XOXO

    Cami

    RispondiElimina
  8. non mi metterei mai sotto i ferri per estetica

    RispondiElimina
  9. Non sono contraria alla chirurgia estetica, a me servirebbe più una mastoplastixa riduttiva. Grazie per i consigli

    RispondiElimina
  10. Un articolo molto interessante e scritto bene, grazie per questi ottimi consigli :)

    RispondiElimina
  11. Sono contraria alla chirurgia estetica , tranne nei casi dove c'è ne bisogno.

    RispondiElimina
  12. Interessante questo articolo per chi ha in mente di fare questo passo
    Alessandra

    RispondiElimina
  13. Grazie dei tuoi preziosi consigli

    www.elisabettabertolini.com

    RispondiElimina